Coronavirus Cronaca

Alto Adige: cancellati i mercatini di Natale


I mercatini di Natale in Alto Adige sono stati definitivamente cancellati. Lo ha annunciato il governatore Arno Kompatscher, sperando che “le città continuino a respirare un’atmosfera natalizia“. Il presidente della provincia ha sottolineato che “per ora la priorità è garantire il funzionamento delle scuole e delle imprese ed è per questo che stiamo rinunciando a tutto ciò che non è strettamente necessario“. Nelle scuole secondarie la formazione a distanza è attivata per almeno il 30%.
Con un ordine del governatore, nelle prossime ore l’Alto Adige applicherà in gran parte l’ultimo Dpcm. In alcune zone, ha osservato Kompatscher, l’Alto Adige è ancora più severo di Roma – ad esempio, i bar chiudono alle 23:00 e le sale giochi alle 18:00 per continuare a rispettare le linee guida anti-covid. Per cori e bande musicali il tetto massimo è ridotto a 15 persone. Massima attenzione anche alla tradizione dei Toerggelen, le castagne autunnali nei masi, che devono rispettare le stesse linee guida in vigore per i ristoranti.
Kompatscher ha ricordato che già in primavera i sindaci dell’Alto Adige potrebbero intervenire per limitare la vita notturna. Il governatore ha anche chiesto un’attenta pianificazione delle cerimonie del giorno di Ognissanti e ha chiesto ai bambini di rinunciare alle sfilate di Halloween.
In merito alla situazione attuale, il presidente ha sottolineato che aumentano i contagi, i ricoveri e le quarantene e aumenta la pressione sugli ospedali. La buona notizia è che dei 209 nuovi casi odierni, solo 33 non erano ancora in quarantena.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *