Al via la prima ricerca scientifica sugli effetti di Covid-19 per subacquei e apneisti


Al via, nella piscina più profonda del mondo, la prima ricerca scientifica sugli effetti da Covid-19 su subacquei e apneisti. L’obiettivo è quello di valutare quale e quanto sia il rischio effettivo di un ritorno alle attività subacquee per coloro che hanno contratto il virus, con un progetto promosso da Dan Europe (Divers Alert Network), Y-40 The deep joy con il programma Open Lab, Apnea Academy di Umberto Pelizzari, con il coinvolgimento dell’Università di Padova e dell’Ifc-Cnr di Milano. 

In questo lungo anno di pandemia, si è osservato che i guariti da Covid-19 potrebbero presentare, nel lungo periodo, lesioni all’apparato polmonare e cardiovascolare, così come era già accaduto per i sopravvissuti alla Sars e alla Mers, malattie respiratorie con sintomi analoghi alla patologia causata da Sars-Cov-2. Alcuni di questi danni possono guarire gradualmente fino a scomparire, ma in alcuni pazienti possono provocare una condizione di insufficienza respiratoria cronica. Condizioni e disturbi che potrebbero rappresentare un rischio per la pratica delle immersioni, con le bombole o in apnea.  

Attualmente esistono linee di guida e indicazioni emanate su indicazione di specialisti dall’European Commitee for Hyperbaric Medicine (Echm) e dalla Società italiana di medicina subacquea (Sims), ma mancano studi scientifici e dati oggettivi a supportarle. Così una serie di esperti in materia, capitanati da Alessandro Marroni, fondatore Dan Europe Foundation e specialista in Medicina subacquea e iperbarica, e da Danilo Cialoni, ricercatore Dan Europe, ha deciso di condurre delle indagini per cercare di capire come e quanto sia possibile un ritorno alle immersioni per coloro che hanno contratto il virus. 

La cardiomiopatia da Covid-19, un sintomo secondario che potrebbe non destare particolare interesse durante la fase acuta della malattia, potrebbe rappresentare un fattore aggiuntivo importante e invalidante ai fini della ripresa delle attività subacquee.  

Per la ricerca sono stati selezionati 60 volontari, tra subacquei e apneisti, che hanno contratto e superato Covid-19 e ora vogliono tornare sott’acqua. I test, cominciati a maggio, si svolgono presso la piscina con acqua termale Y-40 The Deep Joy (la più profonda al mondo, 42 metri) a Montegrotto Terme (Padova) e termineranno a fine luglio. I primi risultati arriveranno entro il prossimo autunno: saranno la base per mettere a punto delle linee guida per il ritorno in acqua, in sicurezza, di subacquei e apneisti dopo Covid-19.  

“Il nostro corpo si adatta all’immersione in modo meraviglioso, e quindi il nostro studio – spiega Cialoni – prevede analisi prima e dopo l’immersione ma anche durante, grazie alla possibilità di svolgere prelievi, ecografie polmonari e cardiache sott’acqua”. “Durante le ricerche sugli effetti di Covid-19, su subacquei ed apneisti, abbiamo iniziato ad utilizzare un nuovo strumento di telemedicina, ‘Dive Sense’, in grado di monitorare i parametri vitali del subacqueo in immersione in tempo reale”, sottolinea Marroni. 

I test medici saranno eseguiti nei trenta minuti prima dell’immersione (che avverrà a 10/20/30 metri a seconda del livello di certificazione), subito dopo l’uscita dall’acqua e come follow-up a 30/60/90 minuti dopo la discesa. Tutti i soggetti coinvolti, quindi sia il medico che effettuerà i prelievi durante l’immersione che i partecipanti stessi, scenderanno assistiti in totale sicurezza dal personale specializzato di Dan Europe.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *