Connect with us

Esteri

Meloni riceve Orban: “Molti punti in comune, da...

Published

on

Meloni riceve Orban: “Molti punti in comune, da migranti a lotta alla denatalità”

Confronto a Palazzo Chigi tra la premier e il primo ministro ungherese: "Su Ucraina non sempre posizioni coincidenti, ma ha permesso soluzioni"

Viktor Orban e Giorgia Meloni(Afp)

E' durato circa un'ora e mezza il confronto a Palazzo Chigi tra la premier Giorgia Meloni e il primo ministro ungherese Viktor Orban. Al termine del faccia a faccia il presidente del Consiglio, nelle dichiarazioni congiunte alla stampa, ha sottolineato di apprezzare "molto" e condividere "le priorità che sono state individuate dalla presidenza ungherese" che dal primo luglio assumerà la guida della Ue, "a partire dalla decisione non scontata di inserire tra le priorità una sfida che anche io mi sono permessa molte volte di citare, anche per la competenza dell'Unione Europea, che è la sfida demografica: è una, dal mio punto di vista, delle precondizioni che servono a costruire un'Europa forte, un'Europa che sappia tornare a essere protagonista nel mondo".

"La denatalità è un problema che colpisce tutto il continente - ha proseguito -, oggi nessuna nazione europea raggiunge il cosiddetto 'tasso di sostituzione', cioè il numero di figli per donna minimo che garantisce la continuità della popolazione. Se noi non affrontiamo insieme questa sfida e non riusciamo a invertire questa tendenza nel medio e nel lungo periodo i nostri sistemi economici, i nostri sistemi sociali, i nostri sistemi di welfare diventeranno insostenibili e per questo abbiamo sempre considerato che su questa materia si dovesse lavorare insieme. Sono molto contenta che la Presidenza di turno ungherese abbia deciso di porre questa questione tra le sue priorità".

"Del programma ungherese" per la presidenza dell'Ue "condividiamo anche il focus sulla competitività, altro fondamentale focus proposto dalla Presidenza di turno. Chiaramente competitività europea ma anche difesa europea, il nuovo approccio che l'Ungheria propone in tema di politiche agricole, attenzione alle politiche di coesione, quindi materie che sono state anche dal nostro punto di vista oggetto di particolari indicazioni che sono arrivate con le ultime elezioni europee da parte dei cittadini del continente".

La presidenza ungherese dalla Ue vuole "mettere sul tavolo un grande progetto che si chiama 'Accordo europeo sulla competitività', perché pensiamo che il problema principale dell'Europa in questo momento sia la competitività", ha annunciato Orban, sottolineando "che sia italiani che ungheresi hanno interesse che l'economia europea sia di successo e sia competitiva". "Un altro interesse comune è che l'Europa non si isoli da partner terzi fuori d'Europa. E' nostro interesse comune - ha detto ancora il premier ungherese - avere un'industria forte e che la transizione green sia collaborativa e non agisca contro l'economia europea". "Sono convinto che senza una migliore competitività i posti di lavoro europei saranno persi durante il prossimo decennio", ha concluso.

Migranti

Con il primo ministro ungherese Viktor Orbàn "abbiamo approfondito nel nostro incontro anche le priorità della presidenza ungherese" della Ue "per quanto riguarda il governo dei flussi migratori. Anche qui ci troviamo d'accordo, siamo d'accordo sul fatto che vada consolidato il nuovo approccio europeo che si è sviluppato in questi mesi, anche grazie all'impulso dell'Italia che si basa su alcuni pilastri, cioè la difesa dei confini esterni dell'Unione Europea, il contrasto all'immigrazione illegale di massa, la lotta ai trafficanti, l'impegno a costruire con le nazioni di origine e di transito un nuovo modello di cooperazione e partenariato che sia vantaggioso per tutti, anche e chiaramente per andare alla base delle cause della migrazione", ha ancora Meloni.

Con Orbàn "siamo anche d'accordo sul fatto che sia importante sperimentare nuove forme e nuove soluzioni innovative proprio in materia di immigrazione. Cito, come ho già fatto, il protocollo Italia-Albania, che come voi sapete è diventato oggetto anche di una lettera firmata dalla maggioranza dei Paesi membri rivolta alla Commissione che chiede di portare avanti questo approccio anche per il futuro definendolo una soluzione da seguire".

"Noi appoggiamo tutto ciò che il premier italiano ha proposto, una strategia di sviluppo paneuropea per lo sviluppo dell'Africa", ha detto dal canto suo Orban. Durante il colloquio "abbiamo parlato dell'immigrazione illegale. Voi siete più vicini all'Africa di noi - ha aggiunto il premier ungherese - però i migranti arrivano anche da noi, quindi la situazione in Africa riguarda anche noi". "Secondo i nostri calcoli nei prossimi 20 anni la popolazione dell'Africa aumenterà di 750 milioni di persone", ha continuato Orban sostenendo che "quindi ci sono due soluzioni o abbiamo un progetto di sviluppo per l'Africa con cui riusciamo a far rimanere a casa gli africani oppure ci sarà un'immigrazione di massa che non potremo gestire".

Ucraina

Con Orbàn, ha detto la premier, "abbiamo anche discusso ovviamente del conflitto in Ucraina. Sappiamo molto bene che le nostre posizioni non sono sempre coincidenti, proprio per questo voglio dire che apprezzo molto la posizione che l'Ungheria ha mostrato finora, sia in ambito di Unione Europea sia in ambito NATO, consentendo agli altri Stati membri e consentendo agli alleati di assumere decisioni molto importanti anche quando non era completamente d'accordo. Con Viktor in ogni caso abbiamo ribadito l'indiscusso sostegno alla sovranità, all'indipendenza, all'integrità territoriale dell'Ucraina".

"Guardiamo insieme con grande attenzione alla ricostruzione - prosegue Meloni - perché ovviamente il modo migliore per guardare oltre la guerra è immaginare un'Ucraina che sia ricostruita, che possa prosperare, che possa crescere. Come sapete l'Italia è molto impegnata su questo, organizzeremo qui, nel 2025, la Ukraine Recovery Conference e quindi abbiamo parlato anche di questo".

Rapporti Italia-Ungheria

"Nel corso del nostro incontro abbiamo fatto ovviamente il punto anche sull'eccellente stato delle relazioni bilaterali tra Roma e Budapest. L'Ungheria è chiaramente un importante partner europeo, è per noi un prezioso alleato anche in ambito Nato, sono molto soddisfatta dell'intensificazione negli ultimi mesi tanto del nostro dialogo politico quanto del rafforzamento delle nostre relazioni economiche", ha detto Meloni. "Le aziende italiane guardano con sempre maggiore interesse al mercato ungherese in termini di esportazione, in termini di investimenti - ha proseguito la presidente del Consiglio -, l'Italia sostiene, come si sa, il battaglione multinazionale della Nato a guida ungherese, siamo soddisfatti dell'eccellente livello di cooperazione raggiunto in particolar modo nei Balcani, regione che entrambi, sia Italia che Ungheria, considerano strategica e non a caso anche qui uno dei principali focus della presidenza ungherese riguarda proprio l'attenzione nei confronti dei Balcani occidentali verso quell'allargamento che, come voi sapete, a me piace definire riunificazione su questo c'è perfetta sintonia tra Italia e Ungheria".

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Esteri

Trump difende Biden: “Ha sbagliato, ma non è...

Published

on

L'ex presidente, poi, propone all'attuale inquilino della Casa Bianca: "Facciamo insieme un test cognitivo"

Joe Biden (Afp)

''Non è stata un disastro'' la conferenza stampa di ieri del presidente americano Joe Biden, ''per lui non è finita''. Così l'ex presidente Usa Donald Trump ha commentato la conferenza stampa che Biden ha tenuto al vertice della Nato a Washington e che è stata caratterizzata da gaffe e lapsus. "Ieri sera non è stato eccezionale. Mi ha chiamato suo vicepresidente e, tra l'altro, non l'ha fatto in modo sarcastico. Se lo avesse fatto in modo sarcastico, sarebbe stato grandioso, ma non è stato fatto in modo sarcastico'', ha detto Trump. Biden, ha aggiunto, ''ha fatto un bel po' di altri errori. Ma non è stato un disastro totale", ha dichiarato Trump al programma radiofonico "The Clay Travis and Buck Sexton Show". "Non è la fine per lui, perché quando controlli i delegati, non è mai la fine'', ha aggiunto.

La proposta

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha suggerito all'attuale inquilino della Casa Bianca Joe Biden di sottoporsi insieme a lui a dei test cognitivi. "Sono fantastico sul piano cognitivo, sono perfetto, ho fatto dei test. Faccio dei test di routine'', ha detto Trump. ''Ho appena fatto una visita medica e ne sono uscito perfetto. Annunceremo presto i risultati'', ha detto Trump programma radiofonico "The Clay Travis and Buck Sexton Show".

Continue Reading

Esteri

Biden: “Ok da Israele e Hamas a piano Usa per il...

Published

on

"Sono determinato a fare del mio meglio" perché l'accordo venga messo in atto. Media Israele: "Netanyahu sta bloccando accordo con nuove richieste"

(Afp)

Il piano, elaborato dall'Amministrazione Biden per un cessate il fuoco a Gaza e il rilascio degli ostaggi, ''è stato accettato sia da Israele sia da Hamas''. Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden su 'X' sottolineando che ''la mia squadra sta facendo progressi e sono determinato'' affinché l'accordo venga messo in atto.

''Sei settimane fa ho delineato un quadro completo su come raggiungere un cessate il fuoco e riportare a casa gli ostaggi. C'è ancora del lavoro da fare e queste sono questioni complesse, ma quel quadro è ora concordato sia da Israele che da Hamas'', ha spiegato Biden.

Media Israele: "Netanyahu sta bloccando accordo con nuove richieste"

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ''sta ponendo nuove richieste'' e quindi di fatto ''bloccando un accordo'' che avrebbe permesso ''entro due settimane di riportare a casa gli ostaggi'' ancora trattenuti nella Striscia di Gaza. Lo afferma un alto funzionario israeliano citato da Channel 12. "L'insistenza del primo ministro nel creare un meccanismo per impedire il movimento di agenti armati bloccherà i colloqui per settimane e poi potrebbe non esserci nessuno da riportare a casa", afferma il funzionario.

Secondo il sito di notizie Walla, Netanyahu ha sollevato la questione in un incontro con il team negoziale ieri. I negoziatori hanno chiarito a Netanyahu di essere contrari alla nuova condizione e che non era fattibile, ma il premier ha insistito. "E' una richiesta che non faceva parte della proposta israeliana del 27 maggio. Non è chiaro perché Netanyahu stia sollevando questa richiesta ora. I servizi di sicurezza sanno come gestire il ritorno dei terroristi armati nel nord di Gaza", afferma il funzionario.

Continue Reading

Esteri

Nato: gli esperti: “Giusto guardare al fianco Sud,...

Published

on

(Fotogramma)

Giusto chiedere attenzione della Nato al fronte Sud, una posizione da tempo avanzata dall'Italia pronta a rivendicare un proprio candidato come inviato speciale. Ecco come gli analisti leggono i risultati del vertice Nato dove è stato inoltre ribadito il sostegno all'Ucraina. "Il vertice è andato molto bene: una Nato sostanzialmente coesa, al di là della singole posizioni ha assunto una posizione molto chiara e netta nei confronti del supporto all'Ucraina, supporto prima di tutto politico e solo successivamente economico e militare. Il governo italiano ne esce in maniera molto positiva e il presidente del consiglio ha riaffermato, al di là di ogni possibilità di interpretazione, la linea atlantica e di supporto all'Ucraina che il nostro Paese ha da sempre", commenta all'Adnkronos Andrea Margelletti, presidente del Centro studi internazionali (CeSi) aggiungendo che "l'Italia ha dimostrato ancora una volta la sua coerenza e serietà".

Riguardo all'attenzione posta dal nostro Paese sul fianco Sud, secondo Margelletti "è bene ricordare le parole di alcune settimane fa del ministro Crosetto quando sottolineava che la sfida all'Occidente non è solo in Ucraina ma anche soprattutto in Africa, dove sia Russia che Cina hanno una particolare aggressività soprattutto dal punto di vista del tessere accordi per prendere risorse naturali fondamentali per lo sviluppo tecnologico dell'Occidente". "Credo che la candidatura italiana verso il Sud - sottolinea il presidente del Cesi riferendosi alla possibile candidatura italiana per un inviato speciale al fianco Sud - cammini sulle gambe delle idee di Crosetto che aveva detto di non guardare solo a Est come rischi ma anche al Sud". Un indirizzo giusto secondo Margelletti perché "il nostro Paese, che è immerso nel Mediterraneo, ha il dovere di guardare ai rischi e alle opportunità che arrivano da ogni parte".

Per il generale Leonardo Tricarico, ex Capo di Stato maggiore dell'Aeronautica militare e attuale presidente della Fondazione Icsa, "sarebbe da rubricare come un indubbio successo l’istituzione di una posizione significativa all’interno dell'organigramma dell’alleanza dedicata in maniera specifica al fronte Sud, all’Africa in buona sostanza. Dopo almeno 30 anni di sistematici e perentori appelli, con l’Italia in prima fila, a far convergere l’attenzione della Nato verso il suo fianco Sud, quello più debole e scoperto, e dopo aver incassato anni fa solo un misero nucleo di intelligence a Napoli grazie al timore del terrorismo, sembra che ora il seme gettato sia destinato a germogliare e a crescere in concomitanza al magmatico proliferare di un neocolonialismo minaccioso per tutti".

"Bene ha fatto Meloni a reclamare con evidente determinazione e lucidità una attenzione meno sterile alla questione Africa, ponendo così le premesse per accompagnare con l’auspicabile cornice di sicurezza il suo Piano Mattei altrimenti destinato a fallire - sottolinea il generale Tricarico - Nessuna iniziativa di alcun tipo è oggi possibile nel continente africano senza assicurare alla stessa uno scenario libero da turbative che in questi ultimi tempi si stanno moltiplicando grazie soprattutto a Putin".

Il generale Marco Bertolini, ex comandante del Comando operativo interforze, ricorda che "l'Italia è sempre stata molto concentrata sul fronte Sud, quello sul quale siamo più esposti, mentre l'attenzione della Nato è concentrata essenzialmente sul fronte Est. Da parecchi governi l'Italia spinge sulla necessità di avere l'attenzione della Nato verso il fronte Sud, ancora non si è capito se questa attenzione verrà data e in quali termini". "E' una scelta certamente razionale e giustificata - continua il generale Bertolini - Non dimentichiamo che il fronte Sud è stato reso delicato dalla situazione in Libia perché con i rapporti che l'Italia aveva con la Libia di Gheddafi avevamo chi controllasse le provenienze dal Sahel". Quanto al supporto all'Ucraina ribadito nel vertice Nato e all'impegno in aiuti anche con il sistema Samp-T, il generale Bertolini sottolinea: "E' una risorsa limitata e un sacrificio non indifferente che ci viene chiesto, ma è chiaro che si tratta di un sistema importante".

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca53 minuti ago

Maltempo, grandine a Milano. A Lodi trovato cadavere...

Potrebbe essere del 25enne scomparso dopo tuffo nel fiume Violenta grandinata sulla città di Milano. Il centro monitoraggio rischi naturali...

Cronaca1 ora ago

SuperEnalotto, numeri combinazione vincente oggi 12 luglio

Nessun '6' né '5+1'. Jackpot a oltre 48 milioni di euro Nessun '6' né '5+1' al concorso SuperEnalottodi oggi. Il...

Sport2 ore ago

Wimbledon, Musetti battuto in semifinale: Djokovic in...

Il serbo si impone in 3 set, l'azzurro al tappeto Lorenzo Musetti sconfitto da Novak Djokovic nella semifinale del singolare...

Esteri2 ore ago

Trump difende Biden: “Ha sbagliato, ma non è...

L'ex presidente, poi, propone all'attuale inquilino della Casa Bianca: "Facciamo insieme un test cognitivo" ''Non è stata un disastro'' la...

Economia3 ore ago

Guasto al motore, fallito il lancio del razzo Falcon 9 di...

"Le ragioni? Ancora sconosciute" ha detto Elon Musk Il razzo Falcon 9 di Space X ha subito un guasto al...

Esteri3 ore ago

Biden: “Ok da Israele e Hamas a piano Usa per il...

"Sono determinato a fare del mio meglio" perché l'accordo venga messo in atto. Media Israele: "Netanyahu sta bloccando accordo con...

Sport4 ore ago

La Marina di Rodi Garganico regina del mondiale di...

Un fine settimana presso La Marina del Porto di Rodi Garganico dedicato alla motonautica. Un grande evento di sport e...

Cronaca4 ore ago

Toti chiede incontro con Salvini

L'istanza è stata presentata al giudice di Genova dal difensore Stefano Savi Giovanni Toti, il governatore ligure agli arresti domiciliari...

Cronaca4 ore ago

Verona, 67enne ucciso a coltellate: fermato il figlio

L'uomo è stato ritrovato cadavere nella sua abitazione di Lazise sul lago di Garda Un uomo di 67 anni è...

Economia4 ore ago

Caregiver figura centrale, serve welfare personalizzato che...

La figura del caregiver è centrale per quanto riguarda l’assistenza dei più fragili. Una considerazione che sembra ovvia ma che...

Cultura4 ore ago

Mostre: ‘Macelleria Palermo’ a Carini dal 18...

La mostra fotografica "Macelleria Palermo" di Franco Lannino e Michele Naccari "offre uno sguardo crudo e realistico sulla violenza mafiosa...

Spettacolo4 ore ago

Morgan deposita querela contro Selvaggia Lucarelli

Allegati all'atto di querela, a quanto si apprende, una serie di storie Instagram e di articoli di giornale aventi ad...

Economia4 ore ago

Webuild, Pietro Salini: “Nuovo ponte Baltimora sia...

Le parole dell amministratore delegato del gruppo, in un’intervista al quotidiano americano Baltimore Sun, illustrando la proposta preliminare per un...

Sport5 ore ago

Inter, Inzaghi ha rinnovato

L'annuncio di Marotta La notizia era nell'aria, ma nella giornata odierna è arrivata l'ufficialità. Simone Inzaghi ha rinnovato il suo...

Sport5 ore ago

Inter, Inzaghi rinnova contratto: firma fino a 2026

L'allenatore nerazzurro: "Obiettivo è migliorare sempre" Simone Inzaghi rinnova il contratto con l'Inter e firma fino al 2026. Il club...

Cultura5 ore ago

‘L’amica geniale’ di Elena Ferrante il...

E' "uno dei principali esempi della cosiddetta autofiction, una categoria che ha dominato la letteratura in questo nuovo secolo" "L'amica...

Sport5 ore ago

Tour de France, Philipsen vince tappa 13: Pogacar sempre in...

Volata vincente del belga , al secondo successo Doppietta di Jasper Philipsen al Tour de France 2024: il belga della...

Sport5 ore ago

Wimbledon, Alcaraz in finale: Medvedev battuto in 4 set

Lo spagnolo, detentore del titolo, supera il russo Carlos Alcaraz è il primo finalista del singolare maschile di Wimbledon 2024....

Cronaca5 ore ago

Mangiare male aumenta i costi sanitari

Nel 2023 l'eccesso di peso, in Italia, ha interessato il 46,4% della popolazione di maggiore età̀ Mangiare male costa a...

Cronaca5 ore ago

Omicidio Mollicone, assolti in Appello i Mottola e i due...

La sentenza conferma quella di primo grado. La sorella della 18enne uccisa ad Arce nel luglio del 2001: "Questa non...