Connect with us

Demografica

Sterilizzazione volontaria “impossibile in Giappone”:...

Published

on

Sterilizzazione volontaria “impossibile in Giappone”: cinque donne fanno causa al governo

Le donne sono utili solo se sono madri? In Giappone sembrerebbe di sì. Perché pare che chi richiede oggi la sterilizzazione debba soddisfare una serie di condizioni. L’approvazione viene accordata a quelle donne che hanno già un figlio, o che possano dimostrare il pericolo per la loro salute in caso di un’eventuale gravidanza e, immancabile, è il consenso del coniuge. Ciò rende difficile per molte cittadine giapponesi la possibilità di accedere a questa procedura e con il calo demografico e la volontà di incentivare la maternità, ciò sembra essere ancora più complesso.

Sterilizzazione in Giappone: a quale costo?

A raccontare la storia di cinque donne che hanno fatto causa al governo di Tokyo è il New York Times che riporta la testimonianza di Tatsuta. La 24enne giapponese ha già chiaro da diversi anni che non intende avere figli in un futuro né vicino né lontano e, insieme ad altre quattro donne, ha deciso di attaccare una legge conosciuta come Maternal Protection Act. Secondo le protagoniste di questa vicenda, questa norma viola il loro diritto costituzionale all’uguaglianza e all’autodeterminazione e per tale motivo dovrebbe essere annullata.

Durante un’udienza presso il tribunale distrettuale di Tokyo la scorsa settimana, Michiko Kameishi, avvocato dei querelanti, ha descritto la legge come una forma di “eccessivo paternalismo” e ha affermato che la norma “presuppone che pensiamo al corpo di una donna come un corpo destinato a diventare madre”, riporta il Nyt.

Il Paese ha dimostrato di avere leggi che non sono proprio in linea con quelle di altre Nazioni sviluppate. Anticoncezionali quali la pillola o dispositivi intrauterini non sono coperti dall’assicurazione sanitaria nazionale e le donne che decidono di abortire devono ottenere prima il consenso del partner. L’associazione Japan Family Planning riporta che solo il 5% delle donne usa la pillola anticoncezionale come metodo di controllo di una gravidanza, per tutto il resto è sufficiente il preservativo.

La causa in tribunale – con una richiesta di risarcimento pari a 1 milione di yen (5.894 euro circa) a persona – arriva in un periodo di crisi del Paese. Mentre le cinque donne rivendicano un loro diritto, il governo cerca di aumentare il tasso di natalità, ormai ai minimi storici, con una serie di incentivi.

La battaglia legale in Giappone relativa alla sterilizzazione è una questione delicata: da tradizione del governo tali procedure si imponevano solo a persone con patologie psichiatriche o disabilità intellettive e fisiche. Il Maternal Protection Act, nel 1996, ha rimosso la clausola eugenetica, ma i legislatori hanno mantenuto requisiti rigorosi per le donne che volevano accedere all’aborto o alla stessa sterilizzazione.

E. almeno tecnicamente, questa legge colpisce anche gli uomini che richiedono una vasectomia. Devono, cioè, avere altrettanto avuto un figlio, il consenso del partner e dimostrare che la loro compagna e consorte sarebbe messa in pericolo dal punto di vista medico in caso di una gravidanza. Nei fatti, però, riporta il Nyt, i dati del governo segnalano la messa in pratica da parte dei medici del sistema sanitario nazionale di 5.130 sterilizzazioni sia su uomini che su donne nel 2021, l’ultimo anno per cui sono disponibili le statistiche e non sono disponibili disaggregazioni tra i sessi; quindi, è impossibile stabilire se nei fatti siano più gli uomini o le donne ad aver avuto accesso a questa pratica.

E in Italia?

La sterilizzazione volontaria è legale in Italia? Apparentemente sì. Nel concreto, però, nel nostro Paese la sterilizzazione maschile e femminile non sono regolate da norme legislative. Il divieto alla sterilizzazione è stato eliminato con la legge sull’interruzione volontaria di gravidanza (n.194 del 1978) che ha abolito il Titolo 10 del Codice penale intitolato ‘Dei delitti contro la integrità e la sanità della stirpe’. La chiusura delle tube, e quindi la sterilizzazione femminile, può essere praticata in laparoscopia e in alcuni centri viene chiesto ancora l’assenso del partner. La chiusura dei dotti deferenti nell’uomo può essere anche praticata ambulatorialmente. Nel 1987 la Corte di Cassazione con la “sentenza Conciani” ha stabilito invece che la sterilizzazione consenziente non viola il Codice penale e invitò il Parlamento a regolamentare in materia: cosa che non è mai accaduta.

In sintesi, se nessuna legge vieta la vasectomia o altre forme di sterilizzazione, nessuna legge le regolamenta in modo specifico. Questo non la rende punibile, ma neanche di così scontato accesso e le condizioni variano da una Regione all’altra.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Demografica

Discriminazione sessuale, Roccella rilancia centri per...

Published

on

Roma è stata teatro di un’aggressione omofoba che ha scosso la comunità Lgbt+ e sollevato preoccupazioni sulla sicurezza e la tolleranza nella capitale italiana. Due ragazzi sono stati brutalmente picchiati lo scorso fine settimana, dopo una serata Lgbt+ nella città eterna. L’aggressione, avvenuta intorno alle 4 del mattino, è stata segnalata dalla Gay Help Line, che ha descritto come i due, mano nella mano, siano stati attaccati da quattro persone (tre uomini e una donna) che hanno gridato insulti omofobi e li hanno assaliti fisicamente.

Mentre la violenza esplodeva, molti testimoni hanno preferito filmare la scena piuttosto che intervenire, un gesto che aggiunge una dimensione ulteriore di desolazione a questo atto già di per sé drammatico. Solo dopo diversi minuti, un passante è intervenuto per fermare gli aggressori. Le vittime, profondamente scosse, si sono recate al pronto soccorso e successivamente hanno sporto denuncia alla polizia.

La reazione istituzionale

In risposta a questa grave aggressione, la ministra per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità, Eugenia Roccella, ha sottolineato l’importanza di rafforzare le strutture di supporto per le vittime di violenza e discriminazione.

“L’aggressione a Roma ai danni di due ragazzi omosessuali conferma che è importante proseguire nella promozione di un’autentica cultura liberale, che rispetti la libertà sessuale e affettiva di ogni persona e la possibilità di viverla serenamente, senza temere discriminazioni, o peggio, violenze”, ha dichiarato Roccella. “Proprio per questo abbiamo rinnovato e garantito il finanziamento dei centri per l’accoglienza e l’assistenza delle persone oggetto di violenza e discriminazione per ragioni di orientamento o di identità sessuale. Abbiamo adottato il piano dei centri che era atteso da anni, e proprio nei prossimi giorni verrà pubblicato il bando per l’accesso ai finanziamenti. Anche questo significa avere a cuore la libertà”.

L’importanza dei centri di accoglienza e assistenza

I centri per l’accoglienza e l’assistenza rappresentano un punto di riferimento fondamentale per chi subisce violenza e discriminazione a causa del proprio orientamento o identità sessuale. Queste strutture offrono non solo un rifugio sicuro, ma anche supporto legale, psicologico e sociale, aiutando le vittime a superare il trauma e a ricostruire la propria vita.

Il rinnovato impegno del governo nel finanziare questi centri è un segnale importante di attenzione e supporto verso le comunità vulnerabili. I nuovi fondi permetteranno di ampliare i servizi offerti e di raggiungere un numero maggiore di persone, garantendo che nessuno si senta solo o abbandonato di fronte a episodi di violenza.

L’annuncio del bando per l’accesso ai finanziamenti è un passo cruciale per la messa in opera di queste misure, consentendo alle organizzazioni attive sul territorio di ottenere le risorse necessarie per operare efficacemente.

Continue Reading

Demografica

Brasile, comune obbligato a restituire il cane a un...

Published

on

In Brasile un giudice ha ordinato al comune di Curiba di restituire il cane a un senzatetto. Le attività glielo avevano sottratto per far accedere l’animale a migliori condizioni di igiene e salute, ma il giudice brasiliano ha chiesto di rivedere la decisione: il cane e il suo padrone rappresentano una “famiglia multispecie”.

Cane riconsegnato al senzatetto in Brasile

La storia era iniziata a maggio quando Rock, fedele amico a quattro zampe di Carlos Merlini Neto, un senza dimora di 46 anni, era stato investito da un’auto nelle strade di Curiba, città dove Carlos vive da una decina d’anni. Al momento dell’incidente, il cane aveva solo sette mesi ma riuscì a sopravvivere nonostante qualche frattura alle costole. Dopo averlo salvato e portato in una stazione vicina, la compagna di Carlos portò il piccolo animale in un rifugio gestito dal comune, dove Rock fu curato. Fin qui tutto bene, se non fosse che a distanza di giorni nessuno ebbe notizia del cane, che non era più stato restituito a Carlos.

Dopo diversi giorni di ricerca, il senzatetto ha scoperto dal Centro per la difesa degli animali che Rock era stato inserito nella lista delle adozioni e che di lì a poco sarebbe stato adottato perché c’erano già delle richieste. Una notizia sconvolgente per il 46enne che ha deciso di chiedere aiuto a un giudice, il Difensore pubblico dello Stato di Paraná. Il pubblico ufficiale ha accolto la richiesta del senzatetto e l’ha portata avanti, chiedendo che venisse fatta giustizia.

Alla fine, la sentenza del Tribunale speciale del Tesoro pubblico di Curitiba ha obbligato il Comune a localizzare il cucciolo e a riconsegnarlo all’uomo. La motivazione del provvedimento ha già fatto il giro del mondo: per il giudice Carlos e Rock costituiscono una “famiglia multispecie”, un nucleo composto da un essere umano e un cane, ma pur sempre portatore di diritti.

Cosa è una famiglia multispecie

La motivazione ha fatto notizia, non tanto per la definizione in sé, ma per il suo utilizzo. Di solito, infatti, con il termine “famiglia multispecie” si indicano dei gruppi dove vivono più animali e non una relazione tra una persona e un animale.
Queste famiglie non si limitano a condividere uno spazio fisico, ma sviluppano legami affettivi profondi e relazioni complesse tra umani e animali.

Le famiglie multispecie possono includere una varietà di animali domestici come cani, gatti, conigli, uccelli e pesci, che diventano parte integrante della vita quotidiana e formano relazioni sia con gli esseri umani che tra di loro. Il contesto assume dei connotati molto affascinanti nei contesti rurali, dove è comune trovare fattorie con diverse specie animali, ognuna con il proprio ruolo all’interno della famiglia. In queste famiglie, ciascun essere vivente interagisce con gli altri animali e con gli umani, creando un ecosistema familiare interdipendente.

Nei santuari e rifugi per animali, umani e una varietà di animali convivono in un ambiente di cura e protezione, formando una grande famiglia multispecie dove ogni animale, indipendentemente dalla specie, riceve amore e attenzione.

Continue Reading

Demografica

Con un farmaco si può rallentare la menopausa e vivere più...

Published

on

Prolungare di almeno cinque anni la fertilità femminile è possibile. Secondo i primi risultati di uno studio pilota condotto dalla Columbia University, un farmaco specifico avrebbe la capacità di rallentare la menopausa, consentire di vivere così più a lungo e in migliore salute.

La ricerca sul riutilizzo dell’immunosoppressore rapamicina è stata accolta come un “cambiamento di paradigma” nel modo in cui viene studiata la menopausa. La rapamicina è un antibiotico naturale prodotto da un batterio, approvato e usato come farmaco anti-rigetto degli organi dopo un trapianto. Scopriamo insieme che poteri ha sulla longevità e sulla fertilità femminile.

Lo studio pilota

Yousin Suh, professoressa di scienze riproduttive e di genetica e sviluppo alla Columbia University, e Zev Williams, professore associato di salute delle donne e capo della divisione di endocrinologia riproduttiva e infertilità presso il Columbia University Irving Medical Center hanno co-diretto lo studio.

Prende il nome di Vibrant, alias Validating Benefits of Rapamycin for Reproductive Aging Treatment ed è stato progettato per valutare se il farmaco “rapamicina” sia in grado di rallentare l’invecchiamento delle ovaie, posticipando così la menopausa e prolungando la fertilità.

Attualmente la ricerca è in una fase di sperimentazione iniziale. A prendere parte allo studio pilota sono circa 34 donne under 35, ma si prevede possano superare le migliaia. La dottoressa Suh ha affermato che i primi risultati suggeriscono che è realistico sperare che il farmaco possa ridurre l’invecchiamento delle ovaie del 20% senza che le donne sperimentino nessuno dei 44 effetti collaterali che la rapamicina può avere, che vanno da una leggera nausea e mal di testa a pressione alta o infezioni.

I primi risultati

Le partecipanti allo studio randomizzato controllato con placebo hanno riportato miglioramenti nella loro salute, nella memoria, nei livelli di energia e nella qualità della loro pelle e dei loro capelli: miglioramenti della salute in linea con altri studi sulla rapamicina che hanno suggerito che il farmaco può aumentare la durata della vita del 9-14%, rivitalizzando al contempo il sistema immunitario e gli organi che si deteriorano con l’età avanzata.

“I risultati di questo studio, il primo nella storia dell’umanità, sono molto entusiasmanti. Significa che coloro che hanno problemi di fertilità legati all’età ora hanno speranza, mentre prima non ne avevano – ha detto Suh -. Questi primi risultati significano che ora abbiamo una chiara possibilità di raggiungere il nostro obiettivo finale: utilizzare la rapamicina per prolungare la durata della vita dell’ovaio e quindi ritardare la menopausa, prolungando al contempo la durata della vita della donna migliorandone la salute”.

Il livello di rapamicina somministrato alle donne era pari a 5 mg a settimana per tre mesi, rispetto ai 13 mg al giorno che possono essere prescritti ai pazienti sottoposti a trapianto. Dosi che sono state definite “perfette” dai ricercatori perché non bloccano né l’ovulazione né le mestruazioni, ma non si sa ancora se la qualità dei follicoli peggiorerà nel “tempo extra” che le ovaie vivranno, producendo così ovuli più inclini a contenere anomalie genetiche.

L’invecchiamento ovarico

Il team che studia il funzionamento del farmaco nei confronti dell’invecchiamento ovarico possiede 12 scienziati e costa oltre 1 milione di dollari. Si tratta del primo studio che si occupa dell’invecchiamento ovarico umano cercando di rallentarne la velocità con cui si verifica, non soffermandosi solo a livello sintomatico e non solo su test riguardanti specie non umane.

Lo scopo è quello di ridurre il numero di ovuli che le donne perdono ogni mese da 50 a 15 e rallentare l’invecchiamento conseguente di tutti gli organi almeno del 20%. “Sapevamo funzionasse con gli animali, e ora sappiamo che è sicuro per gli umani – ha detto il dottor Williams -. Abbiamo solo bisogno di uno studio più ampio per mettere insieme entrambe le parti”.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca1 ora ago

Addio caldo estremo, stop all’afa: nessuna città da...

Il segnale di allerta 3, il livello massimo di rischio per le ondate di calore, per ora non contrassegna nessuno...

Cronaca1 ora ago

Napoli, crollo nella notte alla Vela Celeste di Scampia:...

A cedere è stato un ballatoio del terzo piano, che ha coinvolto nella caduta i ballatoi del secondo e del...

Esteri8 ore ago

Elezioni Usa, con Harris candidata ecco chi potrebbe essere...

Sono nove i possibili candidati alla vice presidenza degli Stati Uniti con Kamala Harris che punta alla Casa Bianca Dal...

Esteri8 ore ago

Ritiro Biden, Harris e il piano B: tutte le domande dei dem

Le regole del Partito democratico Usa forniscono alcune risposte, per altre bisognerà aspettare invece gli sviluppi politici (ed eventuali ricorsi...

Esteri8 ore ago

Duello Harris-Trump, la possibile sfida tra l’ex...

Se la vice di Biden diventerà la candidata dem ufficiale, lo scontro potrebbe basarsi sui diversi background dei due Se...

Cronaca9 ore ago

Napoli, crolla ballatoio nella Vela Celeste a Scampia: un...

Vigili del fuoco evacuano i piani alti dell'edificio, gravi due tra i feriti nel crollo avvenuto al terzo piano Un...

Esteri9 ore ago

Terremoto a Panama, scossa magnitudo 5.7

Il sisma a 5 km da Puero Armulles Un terremoto di magnitudo 5,7 è stato registrato oggi a 5 km...

Esteri10 ore ago

Attentato a Trump, boss Secret Service sotto torchio:...

Toni durissimi nell'audizione alla Camera "Sta dicendo solo cazz... oggi. Vuole usare questi 5 minuti per firmare la sua lettera...

Esteri10 ore ago

Vance ‘difende’ Biden:”Ritiro? Lo hanno...

Il candidato repubblicano alla vice presidenza: "Con un altro paio dell'elite dem si sono riuniti in una stanza fumosa e...

Spettacolo11 ore ago

“RA TA TA”, il nuovo singolo di MAHMOOD, è certificato...

“RA TA TA”, il nuovo singolo di MAHMOOD, è oggi certificato DISCO D’ORO. Disponibile in radio e su tutte le...

Spettacolo11 ore ago

Il Grand Prix Corallo torna a brillare: Premi e star sotto...

Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del...

Spettacolo11 ore ago

Sebastiano Somma: il talento versatile tra cinema, teatro e...

Tra gli ospiti della XII Edizione dell’Ariano International Film Festival figura Sebastiano Somma, noto attore italiano che vanta una carriera...

Ultima ora11 ore ago

Fisco, con pace contributiva possibilità di riscatto fino a...

L'Istituto in una circolare recepisce la norma prevista dalla legge di bilancio, che ha reintrodotto per il biennio 2024/2025 la...

Spettacolo11 ore ago

Patrizio Rispo: l’attore poliedrico che unisce...

Patrizio Rispo, attore di grande talento e versatilità, si distingue nel panorama artistico italiano per la sua straordinaria carriera che...

Cronaca11 ore ago

Etna, vulcano oggi attivo: nube di cenere da cratere...

Il modello previsionale di dispersione dell'eventuale nube vulcanica indica una direzione verso Est L'Etna nuovamente attivo oggi, 22 luglio 2024....

Ultima ora13 ore ago

Tragedia a Brembate, 44enne muore nelle acque del fiume...

Dalle prime ricostruzioni, pare che si fosse appena tuffato nel fiume, a poca distanza da una cascata, senza riuscire a...

Ultima ora13 ore ago

Rintracciato a L’Aquila uno dei tre evasi dal carcere...

Uno rintracciato alla stazione Termini, l'altro a L'Aquila. Il 15enne fuggito con loro dalla struttura di Casal del Marmo, invece,...

Esteri13 ore ago

Elezioni Usa, il fattore tempo: tre domande per i prossimi...

Dal duello Biden-Trump del 27 giugno, passando per l'attentato del 13 luglio, al passo indietro di Biden del 21 luglio...

Spettacolo13 ore ago

E’ morto Aldo Puglisi, attore con Germi e De Sica...

Il decesso sabato scorso a Catania in seguito a delle complicazioni polmonari dovute al contagio da Covid. Il debutto con...

Cronaca13 ore ago

Cruciverba e sudoku amici del cervello? Cosa dicono i...

Diversi studi suggeriscono possibili benefici e le promuovono come allenamento per mantenere mente giovane Protagonisti indiscussi dell'estate nelle ore di...