Connect with us

Ultima ora

Colpo d’arma da fuoco a Cesano nelle Marche: morta...

Published

on

Colpo d’arma da fuoco a Cesano nelle Marche: morta una donna, il figlio barricato in casa

E' accaduto in un'abitazione alla periferia nord, nei pressi del fiume Cesano

(Fotogramma)

Ha ucciso l'anziana madre di 87 anni sparandole contro e poi si è tolto la vita. E' successo questa sera intorno alle 19 in un'abitazione alla periferia nord di Senigallia, nei pressi del fiume Cesano, in provincia di Ancona. L'uomo, 51enne, verosimilmente instabile, prima di togliersi la vita si era barricato in casa per cui era scattata una mediazione. Sul luogo della tragedia i carabinieri che stanno ancora effettuando i rilievi, la polizia locale e gli operatori sanitari.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Ultima ora

Giornalista aggredito a Torino, Meloni:...

Published

on

La premier sulla denuncia del cronista di La Stampa Andrea Joly: "Attenzione del governo è massima, chiesto a Piantedosi di essere aggiornata sugli sviluppi del caso"

Giorgia Meloni - Afp

"Esprimo la mia solidarietà al giornalista Andrea Joly, rimasto vittima ieri sera di un'inaccettabile aggressione a Torino. Un atto di violenza che condanno con fermezza e per il quale mi auguro i responsabili siano individuati il più rapidamente possibile. L'attenzione del governo è massima e ho chiesto al Ministro dell'Interno Piantedosi di essere aggiornata sugli sviluppi del caso". Così Giorgia Meloni, in una dichiarazione sull'aggressione denunciata dal giornalista de La Stampa da parte di militanti di estrema destra.

Tajani: "In Italia troppa violenza e intolleranza contro chi non la pensa come te"

"Troppa violenza e intolleranza in Italia contro chi non la pensa come te. A Torino aggredito un giornalista de @LaStampa da estremisti di destra, a Roma due ragazzi picchiati perché omosessuali, minacce di morte a @forza_italia. Condanniamo con grande fermezza ogni violenza!". E' quanto scrive quindi su X il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani.

Continue Reading

Ultima ora

Sorrentino presenta ‘Parthenope’ al Giffoni:...

Published

on

Al festival le prime immagini esclusive del suo nuovo lavoro. Il regista: "Essere giovani comporta una grande responsabilità, è il momento in cui si costruisce il futuro ma anche il passato"

Paolo Sorrentino - (Fotogramma)

Un abbraccio intenso tra tre ragazzi, la camera che gira, la musica e il pathos che cresce, Paolo Sorrentino sceglie il Giffoni Film Festival per mostrare alcune delle immagini del suo nuovo attesissimo film 'Parthenope', in arrivo nelle sale il 24 ottobre e con alcune speciali anteprime il 19 settembre.

"Questa è una delle scene più importanti del film", racconta il Premio Oscar, perché 'Parthenope' è "un film sulla giovinezza, su cosa significa essere giovani e ho scelto Giffoni proprio per arrivare a tutti i giovani". Il regista in collegamento e i tre protagonisti Celeste Dalla Porta (Parthenope giovane), Dario Aita, Daniele Rienzo in sala, raccontano di sé e del film. "Essere giovani è una grande responsabilità, - dice Sorrentino - perché quando si è giovani si sta costruendo il futuro e al tempo stesso il proprio passato: quello che ricorderemo nella maniera più vivida, malinconica, luminosa e raggiante". E aggiunge: "Questa scena descrive uno di quei momenti in cui si è giovani non pensando al futuro né al passato. A voi ragazzi auguro di vivere il più possibile quei momenti in cui il presente accade e basta, in cui come diceva Sandro Penna si è talmente vivi che così vivi non si può. Una sensazione di amore, un presente che non ti mette più contro ai legami che il futuro costruisce".

Sulla scena che, raccontano i protagonisti, è stata girata alle 4 del mattino, Dalla Porta aggiunge: "Mi ha dato una sensazione di forte malinconia, che a volte si prova nei momenti più belli. Lì era un momento di amore, di libertà, di condivisione, come lo è un abbraccio, e percepire che in quell'abbraccio c'era anche una mancanza. Mi ha trasmesso la sensazione di cercarsi e cercare qualcosa insieme".

Rispondendo alle domande dei giffoner sulle tematiche della sua poetica, Sorrentino commenta: "Faccio film su ciò che non conosco, su ciò di cui sono sprovveduto" e parlando ancora di 'Parthenope' aggiunge: "Io non conosco bene né Napoli né la donna. E mi sono accorto di questo, pur avendo vissuto la maggior parte della mia vita a Napoli e pur avendo trascorso larga parte della mia vita a pensare alle donne. E quindi ho detto, perché non fare un film sulle donne, e su Napoli?".

Sono tanti gli spunti che il regista regala alla platea, sul mestiere del cinema e sulla modalità di creazione della sua arte: "Lavoro sempre per cercare di fare quello che non riuscirò mai a fare - ammette Sorrentino - ovvero un capolavoro”. A proposito delle difficoltà dell’essere attore, il regista non ha dubbi “è irrilevante essere un bravo attore, ma per fare l’attore devi disfarti di te. L’attore bravo è troppo concentrato su se stesso. Bisogna uscire da sé. E quelli che si estraniano - gli attori 'attori' - sono nel mondo 8, al massimo 10".

Nel confronto con la sua precedente opera "È stata la mano di Dio", pur raccontando entrambe Napoli, il Premio Oscar riconosce una differenza sostanziale: "'Parthenope' racconta della mia vita sognata da giovane, mentre in 'È stata la mano di Dio' c'era la mia vita vissuta". Sul film e sul ruolo della protagonista, Celeste Dalla Porta descrive accuratamente lo sguardo del suo personaggio, uno sguardo che "racconta come Parthenope guarda la sua città, che osserva e lascia andare. È una sintesi del suo viaggio, il suo sguardo enigmatico è in profonda connessione con questo mare di Napoli".

Continue Reading

Lavoro

Vino, Torcoli (‘Civiltà del bere’):...

Published

on

A 'VinoVip Cortina' gli esperti guardano al futuro del mondo enologico

Vino, Torcoli ('Civiltà del bere'):

"Con il titolo 'Resistenza' volevamo esprimere il senso di resilienza, la capacità del nostro settore vino di affrontare sfide anche difficili che rischiano di compromettere il sistema. E purtroppo sono molto gravi quelle che stanno arrivando in questi ultimi mesi e anni, in particolare di tipo politico, con campagne proibizioniste che vorrebbero equipararlo all’alcool facendo un discorso semplicistico e salutistico". Così Alessandro Torcoli, direttore ‘Civiltà del bere’, testata che organizza la manifestazione VinoVip, commenta il titolo dato alla 14ma edizione che si è svolta nei giorni scorsi a Cortina d'Ampezzo. Resistenza e resilienza della 'civiltà del bere' sono state, infatti, le tematiche al centro del talk che si è svolto nell'ambito di VinoVip Cortina 2024. La due giorni, organizzata dalla rivista 'Civiltà del bere', ha portato le eccellenze e i grandi nomi del vino italiano nella 'perla delle Dolomiti' con momenti di discussione, approfondimenti e degustazioni delle migliori etichette.

Il talk, dal titolo volutamente provocatorio, 'Resistenza!', aveva proprio l’obiettivo di andare a mettere luce su tematiche del settore che interessano tutti gli addetti ai lavori, dai produttori ai comunicatori, passando per le figure più tecniche, fino agli stessi consumatori. “Oggi la capacità di resilienza del comparto vinicolo italiano è messa a dura prova, condizionata da forze politiche, economiche e sociali che non sembrano considerare il vino quell’elemento centrale della cultura occidentale qual è stato per secoli. Da qui la necessità di comprendere quali siano le strategie migliori per contrastarle”, commenta il direttore di 'Civiltà del bere'.

"Chiaramente senza negare il problema, è anche molto importante - avverte - inquadrare il vino culturalmente, come un elemento della nostra civiltà e dei molti paesi che in questa bevanda hanno visto un veicolo di cultura, di convivialità, di benessere, quindi tutt’altro che il problema salutistico ma, all’opposto, un modo per stare meglio. Ovviamente 'est modus in rebus', dipende tutto dalla moderazione, che è un elemento fondamentale. Come contrastare certe politiche? Sicuramente mantenendo il vino nell’alveo intellettuale, culturale, del prestigio di questa bevanda, e continuare quindi a parlarne, a coinvolgere le persone, a raccontarlo, perché comunque è un prodotto che va spiegato, è un prodotto complesso, sempre più intellettuale".

"Poi, il sistema - spiega - ha comunque dei suoi anticorpi. Le aziende del vino sono piuttosto solide, appartengono a distretti, che, come abbiamo evidenziato, sono uno degli elementi fondamentali della tenuta del settore. In Italia non si parla solo di un vino, di un produttore che fa un prodotto di eccellenza, ma di un vero e proprio sistema che ha dei punti di forza davvero importanti che coinvolgono una filiera e tantissima popolazione. D’altro canto, ci sono anche problemi di tipo economico, di marketing e di mercato, perché le guerre e tutto quello che stiamo vedendo in questi mesi non aiuta il commercio di una bevanda che, se vogliamo, è superflua e di svago. Per questo le aziende si stanno attrezzando per aprire nuovi mercati, per proporsi a chi ha voglia di ascoltare il messaggio del vino, che è sempre stato affascinante nei secoli e ancora una volta di inserirlo nei desiderata delle persone".

"Un altro tema che abbiamo affrontato - prosegue il direttore di 'Civiltà del bere' - è quello del cambiamento climatico, che è un tema viticolo, di organizzazione delle imprese, per fare in modo di essere pronte agli stravolgimenti veri e propri che la natura ormai ci presenta e ci ha abituato a incontrare di stagione in stagione, e infatti non ce ne è una uguale all’altra".

"E' vero che si può parlare in generale di un innalzamento delle temperature, ma non è quello - rimarca - il problema più profondo; è proprio una imprevedibilità degli eventi atmosferici, e in questo l’agronomia e la viticoltura stanno cambiando e si stanno attrezzando per essere sempre più pronte di stagione in stagione. Sappiamo che il vino ha un ciclo annuale stagionale, dalla fioritura della vite alla raccolta, alla vendemmia, e sono mesi molto importanti ciascuno con le sue fasi fondamentali, per cui se grandina in un certo momento è un disastro e siccome sta accadendo sempre più spesso bisogna organizzarsi per sapere che, se dovesse accadere, c’è un sistema per limitare i danni. E così per tantissime altre questioni viticole".

Ad aprire il dibattito è stato Luigi Moio, presidente Oiv, professore di enologia all'Università degli studi di Napoli 'Federico II' ed enologo e titolare della 'Cantina Quintodecimo', sottolineando, con il suo intervento 'Una battaglia culturale, una battaglia di civiltà', come sia necessario resistere agli attacchi culturali di chi non considera il vino un baluardo di civiltà ma lo identifica in modo semplicistico con l’alcol, oltre che la necessità di trasparenza per un consumo più consapevole. “In tempi recenti il vino ha avuto una grandissima accelerazione: tanti si sono avvicinati a questo mondo perché era di tendenza e tanti si sono ritrovati a fare vino, ma senza verificare le scienze agrarie e senza una forte competenza. Questa grande attenzione ha anche reso il vino sempre più oggetto di campagne proibizioniste e a volte, per difenderlo, abbiamo rischiato dei gravi danni di comunicazione. Il vino è una delle invenzioni più belle dell’uomo, ma l’alcol è nocivo, questo ormai è assodato ed è necessario essere trasparenti e dirlo in modo chiaro e semplice, incentivando un consumo consapevole alla base, senza arrivare a demonizzare l’intero prodotto".

Da Andrea Lonardi, Master of Wine e Ceo di Marilisa Allegrini, focus sulla necessità di sintonizzare il brand con il tempo presente e futuro: “Oggi la politica del marketing è quella del mix, fatta di metodo, preparazione e tempo. Dobbiamo approfondire i cambiamenti, senza limitarci a parlare di quello climatico o delle preferenze dei consumatori. Oggi si parla sempre più di vocazionalità e di monovitigno, viviamo una crisi della soddisfazione edonistica del vino perché non è più di moda, i vini bianchi di collina e di montagna lasciano il passo ai vini bianchi del mare, i vini rossi di qualità devono essere consumati a temperatura diversa, le bolle di qualità diventano sempre più gastronomiche. La verità è che ciò che cambia oggi è la velocità dei cambiamenti e per questo occorre essere alternativi e contemporanei e avere il coraggio di auto-valutarsi in maniera intima per sintonizzarci con il presente e con il futuro”.

A intervenire nel dibattito poi Giovanni Bigot, agronomo, consulente e ricercatore esperto in viticoltura biologica, focalizzandosi sulla forza della biodiversità e sulla necessità di preservare la genetica dei vitigni che si sono adattati a un particolare terroir: “Oggi va trasmessa una cultura viticola che ponga il terreno al centro di tutto. Quando un vitigno si adatta a un terroir diverso rispetto al solito, questa capacità viene trasferita alla progenie: ecco perché lo studio e la conservazione della genetica del vitigno in seguito al suo adattamento permette di organizzare al meglio il patrimonio viticolo mondiale. Non possiamo pensare di perdere questo bagaglio di gran valore".

Il convegno si è concluso con il focus di Eugenio Pomàrici, professore ordinario dell’Università di Padova ed esperto italiano Oiv, sulla resilienza dei distretti viticoli e sulla forza delle piccole aziende: “Per distretto si intende un'area industriale caratterizzata da piccole e medie realtà con propensione a un agire sinergico. Al contrario, di quello che siamo abituati a pensare, questa struttura frammentata è stata elemento di forza: di fronte alle difficoltà il grande gruppo imprenditoriale spesso sceglie di dislocare la produzione, ma il piccolo produttore resiste, mantenendo il vigneto, magari cambiando prospettiva e migliorandosi".

VinoVip Cortina ha poi ospitato i tasting, a partire dalla conferenza con degustazione 'Cabernet vs Cabernet', con 31 aziende protagoniste, tenuta da tre grandi esperti di caratura internazionale: Pierre Seillan (winemaker di Jackson Family Wines), Luigi Bavaresco (professore di Viticoltura all’Università Cattolica di Piacenza e membro Oiv), Paolo Bomben (enologo del centro di ricerca di Vivai Cooperativi Rauscedo). Poi, il walk around tasting a 2123 m di altezza al Rifugio Faloria, dove 61 aziende hanno presentato i loro vini al Wine Tasting delle Aquile.

La quattordicesima edizione di VinoVip Cortina si è conclusa con oltre 600 ospiti, tra operatori del settore e appassionati, e più di 900 bottiglie stappate. Il prossimo appuntamento con VinoVip è a Forte del Marmi nel 2025. "VinoVip è una manifestazione nata biennale nel 1997 proprio a Cortina. Da qualche anno è diventata annuale perché alterniamo la montagna al mare, quindi l’anno prossimo saremo a Forte dei Marmi con l’edizione marittima e poi nel 2026 si torna a Cortina in un anno speciale che è quello delle Olimpiadi Milano-Cortina. Peraltro, la nostra rivista ha base a Milano e noi organizziamo tanti eventi anche nella nostra città, per cui quell’anno sarà veramente molto importante per ‘Civiltà del bere’, conclude Torcoli.

Continue Reading

Ultime notizie

Ultima ora55 minuti ago

Giornalista aggredito a Torino, Meloni:...

La premier sulla denuncia del cronista di La Stampa Andrea Joly: "Attenzione del governo è massima, chiesto a Piantedosi di...

Ultima ora1 ora ago

Sorrentino presenta ‘Parthenope’ al Giffoni:...

Al festival le prime immagini esclusive del suo nuovo lavoro. Il regista: "Essere giovani comporta una grande responsabilità, è il...

Lavoro2 ore ago

Vino, Torcoli (‘Civiltà del bere’):...

A 'VinoVip Cortina' gli esperti guardano al futuro del mondo enologico "Con il titolo 'Resistenza' volevamo esprimere il senso di...

Spettacolo3 ore ago

Venezia 81, un elefante in Laguna nell’immagine del...

E' firmata da Lorenzo Mattotti, autore anche della sigla L'illustratore e autore italiano Lorenzo Mattotti firma per il settimo anno...

Politica3 ore ago

Basta con ‘sindaca’ e ‘rettrice’,...

E per chi non si adegua spunta la sanzione, con una multa prevista fino a 5mila euro. Potente: "Preservare integrità...

Cronaca3 ore ago

Scuola, Marcello Pacifico rieletto presidente nazionale...

Per acclamazione, dopo due giorni di Congresso nazionale del sindacato: "Continuiamo a combattere insieme" È stato rieletto presidente nazionale del...

Sport3 ore ago

Atp Gstaad, Berrettini trionfa: Halys ko in 2 set

L'azzurro si regala un bel bis imponendosi senza troppi problemi in due set con il punteggio di 6-3, 6-1 sul...

Cronaca3 ore ago

Genova, neonato colpito alla testa durante lite tra i...

Ricoverato al Gaslini, non sarebbe in pericolo di vita Un neonato di 3 mesi è stato colpito alla testa durante...

Politica4 ore ago

Vannacci: “Io capo di nuova forza con legami esteri?...

"Strano che questa volta non abbia detto 'Vannacci si deve vergognare...'" "Sempre comico ascoltare Renzi, strano che questa volta non...

Ultima ora4 ore ago

Perugia, ragazzo ucciso a coltellate a Spoleto dopo lite:...

Il giovane, inizialmente soccorso da un passante e poi trasportato in ospedale, è successivamente deceduto a causa delle gravi lesioni...

Economia4 ore ago

Boom del falso Made in Italy, in 2023 sequestrati oltre 7...

Beni più contraffatti i capi di abbigliamento La contraffazione del Made in Italy continua a diffondersi in tutto il mondo...

Ultima ora4 ore ago

Torino, giornalista de La Stampa: “Sono stato...

E' accaduto in via Cellini all'esterno dell'Asso di Bastoni. Cirio: "Violenza è inaccettabile e va condannata sempre"  Giornalista de La...

Esteri5 ore ago

Trump in Michigan, primo comizio dopo attentato: insulti ad...

L'ex presidente Usa torna alla vecchia retorica. Xi e Putin sono "intelligenti e amano i loro Paesi', apprezzamenti anche per...

Ultima ora5 ore ago

Furti in casa in estate, i consigli per scongiurarli

Il vicequestore Polizia di Stato: "Ladri sempre più esperti, ma funziona far controllare casa a un amico" E' di oggi...

Cronaca6 ore ago

Mantova, 55enne violentata mentre rientrava a casa in...

Arrestato in flagranza di reato un 24enne Violentata mentre rientrava a casa in bicicletta dopo una serata trascorsa alla rituale...

Ultima ora6 ore ago

Napoli, doppia sparatoria nella notte: feriti due 20enni

Gambizzato un pregiudicato 25enne, l'altro ragazzo ferito all'addome Doppia sparatoria nella notte a Napoli. In via Carbonara un pregiudicato 25enne...

Esteri6 ore ago

Attacco Israele in Yemen, ecco perché: chi sono gli Houthi

I miliziani sciiti sono eredi del movimento religioso 'Gioventù credente' creato da Muḥammad al-Ḥouthi nel 1992 Israele conferma di aver...

Politica6 ore ago

Renzi e il campo larghissimo: “Meglio ala moderata,...

L'ex premier sul campo larghissimo: "Meglio ala moderata, che inseguire un ipotetico terzo polo. Io sono professionista della politica" "Piaccia...

Esteri7 ore ago

Alta tensione Israele-Houthi, Idf: “Abbattuto missile...

Tel Aviv conferma raid su Hodeida in Yemen. Portavoce Houthi: "Almeno 3 morti e 87 feriti" Israele ha confermato di...

Cronaca8 ore ago

Insetti più aggressivi con il caldo, come difendersi da...

Ogni anno in Italia muoiono fino a 20 persone a causa delle punture di vespe e calabroni. Medici Ambiente: "Danni...