Connect with us

Sostenibilità

Le borracce: veicolare il brand con il marketing green

Published

on

Gli articoli promozionali che si dimostrano più efficaci sono quelli che si rivelano realmente utili. Proprio per questo motivo, proporre ai propri clienti dei gadget personalizzati destinati a non essere mai usati non è altro che uno spreco di denaro e, più in generale, di risorse. Come scegliere il gadget giusto? Di certo non si corre il rischio di sbagliare se ci si affida alle borracce personalizzate. Si tratta, infatti, di una tipologia di articolo che si presta a essere impiegata in una grande varietà di ambiti. Non solo nel corso di un’escursione o in viaggio, ma anche in palestra o sul posto di lavoro. D’altro canto, chiunque di noi ha la costante necessità di idratarsi: con l’aiuto di una borraccia sempre accanto abbiamo dunque la possibilità di raggiungere il famoso obiettivo dei due litri di acqua bevuti ogni giorno.

Perché regalare le borracce ai clienti

Ecco perché tutte le aziende dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di regalare delle borracce termiche personalizzate ai propri clienti: un gesto semplice ma molto significativo grazie a cui si dimostra la propria attenzione nei confronti dei consumatori e al tempo stesso una spiccata sensibilità verso l’ambiente. Ci sono un sacco di motivi per i quali le borracce personalizzate possono essere ritenute un gadget eccellente: per esempio per la loro longevità. In più, questi accessori mettono a disposizione un’area di stampa molto ampia e assicurano un elevato livello di personalizzazione. Quando si ha la necessità di utilizzare un gadget aziendale capace di mettere in risalto sotto vari punti di vista l’immagine aziendale, questa è la soluzione a cui fare riferimento.

Addio alla plastica

Le borracce termiche sono preziose alleate per chiunque voglia provare a fare a meno della plastica, un materiale inquinante e proprio per questo motivo deleterio non solo per l’ambiente ma più in generale per tutti gli esseri viventi. Un dato solo è esplicativo più di molti altri: nell’Oceano Pacifico meridionale, sull’isola disabitata di Henderson, si sono accumulate nel corso del tempo 17,6 tonnellate di immondizia formata da rifiuti di plastica. Non è esagerato, allora, definire drammatica la situazione dell’ambiente: in mancanza di cambiamenti significativi, da qui all’anno prossimo nei mari del nostro pianeta ogni tre tonnellate di pesci ci sarà una tonnellata di rifiuti plastici. E proseguendo di questo passo tra un quarto di secolo negli oceani ci saranno meno pesci che plastica.

Come e cosa fare per salvare l’ambiente

Alla luce di ciò che si è detto, appare evidente la necessità di agire, anche in prima persona, per provare a ridurre la produzione di plastica e soprattutto limitarne lo spreco. Per raggiungere questo obiettivo, è indispensabile in primo luogo dire addio alle bottiglie usa e getta, oggetti di plastica che si stanno rivelando sempre più inutili. È sufficiente usare delle semplici borracce, infatti, per avere la certezza di avere acqua fresca sempre a portata di mano in qualunque momento: senza spese e soprattutto senza inquinare. Già questo aspetto da solo basterebbe a spiegare perché le borracce personalizzate andrebbero scelte dalle aziende come gadget promozionali.

Le soluzioni di Gadget365

Con l’aiuto di Gadget365, tutti hanno la possibilità di ordinare e comprare online borracce termiche che possono essere personalizzate con le tecniche di stampa più avanzate. Il catalogo di questa azienda lombarda si fa apprezzare non solo per la varietà degli articoli a disposizione, ma anche per i prezzi convenienti, con soluzioni in grado di soddisfare le esigenze di imprese, associazioni e privati.

Una battaglia da vincere

Migliaia e migliaia di borracce personalizzate vengono distribuite dalle aziende, dalle associazioni, dalle università e dagli istituti scolastici, che in questo modo educano i propri studenti e al tempo stesso fanno conoscere il proprio nome diffondendo i propri valori. Quella contro la plastica è una battaglia che deve essere vinta a tutti i costi: nel 1964, cioè 60 anni fa, ogni anno si producevano 15 miliardi di quintali di plastica; oggi, invece, la quota annuale supera i 310 miliardi di quintali. E così il nostro pianeta soffre, e noi ancora di più. La plastica usa e getta è stata messa al bando in numerosi contesti, e un ruolo decisivo in tal senso è stato proprio quello delle borracce riutilizzabili.

Un asso della comunicazione e maestro nelle relazioni con i media, questa figura chiave gestisce con destrezza la nostra strategia di promozione, elevando la visibilità e l’immagine del nostro marchio. Con un occhio sempre attento ai dettagli e una rete di contatti nell’industria dei media, è responsabile di costruire e mantenere relazioni fruttuose con i nostri partner strategici. Il suo tocco esperto nel plasmare la narrativa pubblica è fondamentale per posizionarci come leader nel nostro settore.

Continue Reading

Sostenibilità

Scoperto un metodo sostenibile per la separazione delle...

Published

on

Foto di cottonbro

Al centro di un’aspra contesa tra poteri pubblici e privati, le terre rare rappresentano una materia prima essenziale per le produzioni ad alto valore aggiunto. Prima di poter essere impiegate, però, devono essere sottoposte a una serie di trattamenti chimici che hanno un profondo impatto sull’ambiente. Gli esperti dell’Eth di Zurigo propongono una soluzione incentrata sui tetratiometallati, piccole molecole inorganiche, che renderebbero sostenibile il processo di separazione. Per ora, questo metodo è applicabile al solo europio, ma i risultati, comparsi su “Nature Communications”, sono promettenti.

Continue Reading

Sostenibilità

Rapporto Ecomafia, 97,2 reati ambientali al giorno nel 2023

Published

on

Il dossier di Legambiente

 - (Fotolia)

Aumentano i reati ambientali nel 2023 e salgono a 35.487, registrando +15,6% rispetto al 2022, con una media di 97,2 reati al giorno, 4 ogni ora. Illeciti che si concentrano soprattutto nel Mezzogiorno e in particolare in Campania, Puglia, Sicilia e Calabria dove si concentra il 43,5% degli illeciti penali, +3,8% rispetto al 2022. Tutto il mercato illegale nella Penisola è valso nel 2023 ben 8,8 miliardi. A tracciare un quadro di sintesi è il nuovo report di Legambiente 'Ecomafia 2024. Le storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia', nel 30esimo anno dalla sua prima pubblicazione, e i cui dati sono stati presentati oggi a Roma.

Ciclo illegale del cemento in testa

Nel 2023 in Italia - spiega Legambiente - aumenta anche il numero delle persone denunciate (34.481, +30,6%), così come quello degli arresti (319, +43% rispetto al 2022) e quello dei sequestri (7.152, +19%). Tra gli illeciti, nella Penisola continua a salire la pressione del ciclo illegale del cemento (13.008 reati, +6,5%), che si conferma sempre al primo posto tra i reati ambientali; ma si registra soprattutto l’impennata degli illeciti penali nel ciclo dei rifiuti, 9.309, + 66,1% che salgono al secondo posto. Al terzo posto con 6.581 reati la filiera degli illeciti contro gli animali (dal bracconaggio alla pesca illegale, dai traffici di specie protette a quelli di animali da affezione fino agli allevamenti); seguita dagli incendi dolosi, colposi e generici con 3.691 illeciti. Crescono anche i numeri dell’aggressione al patrimonio culturale (642 i furti alle opere d’arte, +58,9% rispetto al 2022) e degli illeciti nelle filiere agroalimentari (45.067 illeciti amministrativi, + 9,1% rispetto al 2022), a cominciare dal caporalato. Sono inoltre 378 i clan mafiosi censiti

Campania al primo posto

A livello regionale la Campania si conferma al primo posto della classifica con più illeciti ambientali, 4.952 reati, pari al 14% del totale nazionale, seguita da Sicilia (che sale di una posizione rispetto al 2022, con 3.922 reati, +35% rispetto al 2022), Puglia (scesa al terzo posto, con 3.643 illeciti penali, +19,2%) e Calabria (2.912 reati, +31,4%). La Toscana sale dal settimo al quinto posto, seguita dal Lazio. Passa dal quindicesimo al settimo posto la Sardegna. Tra le regioni del Nord, la Lombardia è sempre prima. A livello provinciale, Napoli torna al primo posto, a quota con 1.494 reati, seguita da Avellino (in forte crescita con 1.203 reati, pari al +72,9%) e Bari. Roma scende al quarto posto, con 867 illeciti penali, seguita da Salerno, Palermo, Foggia e Cosenza. La prima provincia del Nord è quella di Venezia, con 662 reati, che si colloca al nono posto ed entra nella classifica delle prime venti province per illegalità ambientale.

Continua l’applicazione della legge 68/2015 sugli ecoreati che nel 2023 ha superato la quota 600, anche se registra un lieve calo rispetto all’anno precedente quando era stata contestata 637 volte. Un calo dovuto al calo dei controlli, passati da 1.559 a 1.405. Il delitto di inquinamento ambientale resta nel 2023 quello più contestato, 111 volte, portando a ben 210 denunce e 21 arresti. Altro dato riguarda i comuni commissariati che sono attualmente 19.

I dati sull'abusivismo

La pressione dell’illegalità resta alta anche sul tema abusivismo edilizio. La conferma arriva anche dai dati ribaditi nella Relazione del 2024 sugli indicatori del Bes (Benessere equo e sostenibile). Soprattutto al Sud, dove si concentra il 48,8% delle nuove costruzioni abusive.

Continue Reading

Sostenibilità

Clima 2023, temperature minime mai così alte

Published

on

I dati del report Snpa

Siccità - (Fotolia)

Temperature minime da record nel 2023 che si piazza al secondo posto invece per i valori medi annuali. Secondo i dati del report Snpa 'Il clima in Italia nel 2023', non sono mai state così alte in Italia le temperature minime giornaliere: +1,20 °C l’anomalia registrata nel 2023. Mentre salgono i valori di quelle più basse, lo scorso anno risulta il secondo, con un’anomalia di +1,14 °C, per temperature medie rispetto al valore climatologico del periodo 1991-2020, dopo il record di +1,23 °C del 2022. Il 2023, poi, è il decimo anno consecutivo con anomalia positiva rispetto alla media.

Ottobre rovente, ondate di calore intense durante l'estate

Ottobre è stato il mese relativamente più caldo: con +3,27 °C sopra il valore climatologico ha segnato il punto più alto della propria serie mensile dal 1961. Marcate anomalie superiori a +2 °C si sono registrate anche a luglio e settembre. In estate, l’Italia è stata investita da intense onde di calore, con le temperature di 48,2 °C registrate il 24 luglio a Jerzu e Lotzorai, nella Sardegna sud-orientale, massimo assoluto mai registrato in Sardegna, inferiore di 0,6 °C al record europeo di 48,8°C registrato a Siracusa l’11 agosto 2021.

Mare caldo

Analogamente alla temperatura dell’aria, la temperatura superficiale dei mari italiani nel 2023 si colloca al secondo posto della serie storica, con un’anomalia di +0,9 °C rispetto alla media climatologica 1991-2020.

2023 anno segnato dalle alluvioni

Sul fronte delle precipitazioni, dopo il grave deficit del 2022 (-22%), il dato annuale in Italia nel 2023 risulta quasi nella media con un -4% rispetto al periodo 1991-2020. Con una prevalenza di anomalie negative mensili durante l’anno, persistenti da luglio a dicembre al Sud e Isole, i mesi più secchi sono stati febbraio (-56%) e settembre (-51%), mentre i mesi più piovosi maggio (+143%) e giugno (+77%). Particolarmente disastrose sono state le alluvioni che hanno colpito l’Italia centrale, ricorda Snpa con riferimento in particolari agli eventi di maggio in Emilia-Romagna e novembre in Toscana. "Le precipitazioni eccezionali in Emilia-Romagna e Toscana, come quelle particolarmente scarse in Sicilia e in parte della Calabria ionica, sono emblematiche di un’estremizzazione del clima mediterraneo", sottolinea Spna.

Ancora condizioni di siccità e severità idrica

Allo stesso tempo, siccità e i conseguenti problemi di severità idrica hanno continuato a interessare l’Italia nel corso del 2023, sebbene in maniera differenziata rispetto alla situazione critica riscontrata nel 2022. Infatti, dopo il minimo storico di risorsa idrica registrato nel 2022, cioè 67 miliardi di metri cubi, circa la metà del valore medio del trentennio climatologico 1991-2020, la disponibilità di risorsa idrica naturale è in ripresa nel nostro Paese nel 2023, stimata in 112,4 miliardi di metri cubi. L’Italia risulta comunque nel 2023 ancora in condizioni di siccità e severità idrica, avendo una disponibilità di risorsa idrica inferiore del 16% rispetto al valore medio 1991-2020.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca54 minuti ago

Covid Lazio oggi, “esplosione” di contagi: da 1...

Medici famiglia: "Dati ministero fortemente sottostimati, ripristinare misure protettive" Esplosione di contagi covid nel Lazio, dove si registrano "da 1...

Immediapress56 minuti ago

Smart Working: come gestire l’archivio cartaceo rimasto in...

Milano, 15 Luglio 2024. Negli ultimi anni, lo smart working ha subito una trasformazione significativa, diventando una componente fondamentale del...

Cronaca57 minuti ago

Diabete, in Italia sistema misura-glucosio che si applica...

Con FreeStyle Libre 2 Plus si controlla la glicemia con un'occhiata al cellulare senza scansionare il sensore o pungere il...

Esteri1 ora ago

Vaccini nei bambini, allarme Onu: è flop per anti-morbillo

Due agenzie delle Nazioni Unite: "Siamo sotto livelli pre-Covid, +2,7 mln di non protetti". Cresce copertura anti-Hpv tra le ragazze...

Immediapress1 ora ago

Arianna Burzoni: “Una festa per celebrare i primi 50 anni...

L’azienda, fondata nel 1974, ha tagliato il traguardo del mezzo secolo di attività riunendo tutti i collaboratori e i clienti...

Immediapress1 ora ago

Gabriele Feron di FGR: nell’edilizia pubblica e privata...

L’azienda toscana, certificata SOA, FGAS e antincendio, è specializzata in edilizia pubblica e privata e garantisce lavori di demolizione e...

Immediapress2 ore ago

Acquistare gomme online: perché affidarsi a Euroimport...

Torino, 15/07/2024. Da quando lo shopping online è diventato parte integrante delle abitudini di consumo di milioni di italiani, l'e-commerce...

Sport2 ore ago

Coppa America 2024, Argentina trionfa: Colombia battuta 1-0...

L'attaccante dell'Inter Lautaro, partito dalla panchina, va a segno nei supplementari al 112' con il tocco decisivo sull'assist di Lo...

Spettacolo2 ore ago

Caso Morgan e Angelica Schiatti, lui: “Vi racconto...

L'artista su Instagram: "Vi do un'anticipazione, domani e poi tutti i giorni avrete un pezzo per comporre il quadro totale"...

Spettacolo2 ore ago

Brenda e Kelly, l’addio di Jennie Garth a Shannen...

L'attrice in un post: "Era coraggiosa, appassionata, determinata e molto amorevole e generosa. Ho il cuore spezzato" "Sto ancora elaborando...

Cronaca3 ore ago

Italia nella morsa del caldo, temperature infernali:...

Colonnina sempre sopra i 34 -37 gradi su tante città con picchi addirittura di 42-43°C sulle zone interne della Sicilia...

Ultima ora3 ore ago

Bari, incendio a pronto soccorso Policlinico: pazienti...

Le fiamme da una sezione di un quadro elettrico al piano interrato del padiglione Asclepios Un incendio si è sviluppato...

Ultima ora3 ore ago

Trump a Milwaukee per convention repubblicana dopo...

Scendendo dall'aereo il tycoon ha alzato il pugno come dopo l'attacco. Servizi segreti sotto accusa, presidente Usa: "Avviata inchiesta" Un...

Cronaca4 ore ago

Parapendista precipita a Cefalù, intervento con elicottero

Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e IV Reparto Volo della Polizia di Stato sono intervenuti nella zona di Cefalù (Palermo)...

Esteri11 ore ago

Attentato Trump, un agente ha provato a fermare il cecchino

Un poliziotto ha provato a salire sul tetto, Crooks ha puntato l'arma Un agente di polizia ha provato a fermare...

Sport12 ore ago

Coming out di Ralf Schumacher, su Instagram foto con il...

L'ex pilota di Formula Uno: "La cosa più bella della vita è quando hai al tuo fianco il compagno giusto...

Esteri12 ore ago

Attentato Trump, il cecchino ha agito da solo: il punto...

L'Fbi ha aperto l'indagine "per potenziale atto di terrorismo interno". Ecco chi è l'attentatore Le indagini sull'attentato a Donald Trump,...

Sport12 ore ago

Spagna campione d’Europa, Inghilterra battuta 2-1 in...

Decisivo il gol di Oyarzabal all'86' La Spagna è campione d'Europa. Nella finale di Euro 2024, a Berlino, la nazionale...

Cronaca13 ore ago

Omicidio Mollicone, lettera a Mattarella e Meloni:...

La missiva è firmata da Bianca Maria Ferrante, amica di Guglielmo Mollicone, padre della giovane di Arce uccisa nel 2001...

Esteri13 ore ago

Attentato Trump, Servizi Segreti sotto accusa. Biden:...

Dubbi sull'operato degli agenti. Il presidente chiede un'indagine sulle misure adottate al comizio I Servizi Segreti sotto accusa dopo l'attentato...